Contattaci

I nostri esperti vi ricontatteranno per darvi maggiori informazioni.
Per favore, utilizzare il seguente modulo per richieste, suggerimenti o per inviarci il tuo feedback.

Clic su Invia, accetto le Condizioni legali e Politica sulla privacy.

Contacts

Tradecorp - Italia & Sud-Est Europa

  • Tradecorp Italia
    Via Della Corte n. 8/a
    Calderara Di Reno
    Bologna 40012
    Italy
  • + 39 3406823197
  • + 39 051725261

Carlos Repiso, responsabile R&D dei biostimolanti in Tradecorp: Previsione e rilevamento anticipato dello stress, per una strategia biostimolante di successo

Le condizioni di stress legate ai fattori climatici, ampiamente noti come stress abiotici, stanno diventando un problema di primo ordine e problematico nell’agricoltura di oggi.

La nutrizione e lo stato sanitario sono stati per lungo tempo la principale preoccupazione dell’agricoltore. Oggi le condizioni ambientali avverse, che limitano fortemente la qualità e la resa, stanno diventando sempre più inquietanti.

Nonostante sia ancora un argomento recente, la comunità di ricerca ha classificato lo stress abiotico come il fattore più dannoso per la crescita e la produttività delle colture in tutto il mondo (Gao et al, 2007). Inoltre, questi fattori si verificano nella maggior parte dei casi in combinazione con altri fattori di stress biotici o abiotici, determinando lo scenario più dannoso nell’attuale agricoltura (Mittler, 2009). Purtroppo, si prevede che la pressione abiotica dello stress ridurrà i rendimenti agricoli nella maggior parte dei paesi nei prossimi decenni (Cline W., 2007; Müller et al., 2009).

Identificazione delle cause dello stress abiotico per la definizione di una strategia adeguata

La principale caratteristica dello stress abiotico è che non possiamo (o quasi) evitare il suo verificarsi. A seconda della fonte e dei suoi effetti, possono essere catalogati in: stress permanente e occasionale.

–>Il primo gruppo raccoglie tutti quei limiti che sono sempre presenti nei nostri raccolti, come salinità, vento forte, esposizione alle radiazioni, ecc.

–>Mentre il secondo si riferisce a quegli eventi imprevisti che sottopongono le colture a condizioni sub-ottimali o letali durante un breve periodo di tempo, come siccità, gelate, alluvioni, ondate di calore, ecc.

Lo scenario è aggravato dalle alterazioni climatiche subite in tutto il mondo. Quando un contadino viene interrogato sull’evoluzione delle condizioni meteorologiche, di solito rivendica eventi innaturali e inaspettati. In altre parole, “il tempo strano sta diventando più strano”. In effetti, organizzazioni rinomate come la FAO o la NASA hanno osservato eventi completamente inaspettati in tutto il mondo negli ultimi anni.

Come affrontare queste situazioni è la chiave per aumentare le prestazioni del raccolto e la redditività degli agricoltori. In caso di condizioni di stress permanente, la selezione delle colture e l’adattamento delle piante diventano cruciali. Nel caso di situazioni di stress occasionali, preparare la pianta per sopportare eventi stressanti risulta essere la migliore strategia. Tuttavia, raggiungere quest’ultimo non è sempre facile.

Prevenzione degli effetti dello stress abiotico: previsione, rilevamento precoce dello stress e applicazioni preventive dei biostimolanti

Figura 1. La risposta della pianta allo stress implica un considerevole spreco di energia sia per combattere lo stress e il recupero, sia per i profitti degli agricoltori.

La previsione e la diagnosi precoce dello stress si rivelano un compito cruciale nel nostro attuale paradigma. Fortunatamente, le previsioni meteorologiche sono state perfezionate con maggiore accuratezza negli ultimi anni e lo sviluppo di nuove tecnologie nel campo dei sensori è diventato uno strumento chiave. Il monitoraggio in tempo reale dei parametri del campo, combinato con le previsioni meteorologiche ufficiali, è oggi una realtà che consente agli agricoltori di prevedere meglio la presenza di stress e l’incidenza di parassiti / malattie.

Tuttavia, il rilevamento abiotico dello stress non è sempre un compito facile, soprattutto in condizioni sub-ottimali o quando lo stress inizia. In questi scenari, lo stress innesca la risposta fisiologica e metabolica della pianta per adattarsi alle nuove condizioni. Questo di solito comporta un elevato consumo di energia a scapito della crescita, della resa o della qualità (figura 1). Tuttavia, alcuni di questi cambiamenti non sono visibili all’occhio umano, fornendo spesso la sensazione che non stia succedendo nulla di penalizzante nelle nostre piante. Sfortunatamente, lo stress è quasi sempre presente in un modo o nell’altro nelle nostre colture.

Termografia Figura 2: piante irrigate a destra e piante a sinistra che soffrono da tre giorni di carenza idrica. La chiusura stomatica determina una bassa evapotraspirazione e un aumento della temperatura delle foglie, oltre a una ridotta fotosintesi. Tuttavia, nessun effetto di avvizzimento è stato rilevato dai metodi visivi.

Anche se il rilevamento dello stress può essere un compito difficile e non può essere sempre implementato sul campo, sono state sviluppate nuove tecnologie per rilevare le alterazioni nelle piante e aiutare gli agricoltori e i tecnici a rilevare tempestivamente condizioni di stress, come la termografia (figura 2), NDVI, Apparecchiature IRGA, sensori fogliari, ecc.

I risultati positivi nella prevenzione dello stress non possono essere intesi come elementi isolati: il tempo, il suolo e le piante sono un tutto sinergico che non può essere gestito separatamente. Proprio dall’interpretazione globale e dal monitoraggio di tutti questi elementi messi insieme, questo sistema complesso può essere capito prendendo in considerazione componenti gestionali così diversi come la nutrizione, le proprietà del suolo, le condizioni meteorologiche e la fase fenologica delle piante. Abbiamo bisogno di leggere i segni e ascoltare le nostre colture.

 

Sfortunatamente, il rilevamento dello stress abiotico non è sufficiente da solo. Le piante devono essere preparate per i prossimi eventi stressanti ed i biostimolanti, tra gli altri benefici, sono in grado di preparare la pianta ad affrontare al meglio i periodi di stress. La ricerca approfondita di Tradecorp ha dimostrato che le applicazioni preventive di alcuni biostimolanti possono effettivamente preparare la pianta alla resistenza allo stress. A causa dell’uso eccesivo di energia e del rischio conseguente, è stato dimostrato che le applicazioni preventive aumentano le prestazioni della pianta piuttosto che agire in maniera curativa una volta che lo stress si è verificato (o si sta verificando).

Biostimolanti ad effetto preventivo: preparazione delle piante per la resistenza allo stress

Quando parliamo di azione preventiva, Phylgreen, l’estratto a freddo puro di Tradecorp dall’alga Ascophyllum nodosum, è il prodotto di punta. La ricerca intensiva della Queen’s University Belfast afferma che, i principi attivi conservati dell’Ascophyllum nodosum presenti nel prodotto, sono in grado di alterare l’espressione genetica della pianta in termini di risposta allo stress. Quando viene “attivata” dal prodotto, la pianta si setta in uno “stato di allarme” sistemico che la rende più “consapevole” e pronta a rispondere in condizioni di stress. Grazie a questa alterazione, alla stimolazione del metabolismo primario e all’accumulo di inibitori compatibili con osmoliti e radicali idrossilici (ROS), la coltura non solo è in grado di aumentare le sue possibilità di sopravvivenza, ma anche di evitare un drastico calo di resa e qualità.

La combinazione tra previsioni del tempo e monitoraggio dello stress non può essere compresa senza l’implementazione di azioni preventive, come Phylgreen. Questa strategia richiede di:

–>Rilevare i periodi più stressanti e il loro effetto nocivo sulla pianta.

–>Selezionare il momento e la dose giusti per l’applicazione.

–>Assicurarsi che le fasi di coltura più critiche non siano state penalizzate dallo stress.

 

Previsione, rilevamento e Phylgreen: Combinazioni vincenti per affrontare la sfida ambientale che l’agricoltura ci chiede oggi.