Contattaci

asdsadaI nostri esperti vi ricontatteranno per darvi maggiori informazioni.
Per favore, utilizzare il seguente modulo per richieste, suggerimenti o per inviarci il tuo feedback.

Di cosa ti occupi?
AgricoltoreTecnicoRivenditoreAppassionato

Nome / Azienda agricola

Email

Telefono

Città

Colture interessate?
FrutticoleEstensiveOrticoleViteColture protette

Quanti ettari gestisci?
0-55-1010-30oltre 50

Scrivi come possiamo aiutarti

Clicca il quadrato per accettare e poi su invia

Autorizzo espressamente il trattamento di questi dati personali a scopo di contatto, ai fini dei servizi forniti o ai fini della comunicazione di prodotti e servizi di Tradecorp, in conformità con i termini e le condizioni dell'Informativa sulla privacy e la protezione dei dati disponibili all'indirizzo www.tradecorp.it. Sono a conoscenza del fatto che posso esercitare i miei diritti di protezione dei dati, inclusi i diritti di informazione, accesso, consultazione, rettifica, opposizione al trattamento o cancellazione, entro il normale orario lavorativo, tramite contatto con l'ufficio Protezione dati di Tradecorp, via e-mail TutelaDiDatiPersonali @ tradecorp.sapec.pt

Contacts

Tradecorp - Italia & Sud-Est Europa

Biostimolanti, da nuova tecnologia a must in agricoltura

Negli ultimi anni il cambiamento climatico è passato dall’essere una probabilità a diventare una realtà che determina, nel bene e nel male, la nostra vita quotidiana.

Di conseguenza, il cambiamento climatico e l’emergenza clima sono diventati un problema prioritario che sta influenzando la produzione agricola in tutto il mondo, per esempio influenzando i modelli di precipitazioni, la temperatura e persino i modelli stagionali.

Tradizionalmente gli agricoltori e i coltivatori consideravano variabili come il periodo dell’anno, le sementi, i fertilizzanti, la protezione delle piante e la gestione del suolo, tra gli altri. Tuttavia, negli ultimi anni sono emerse “nuove” sfide, in particolare legate al cambiamento climatico. Queste nuove sfide significano che per raggiungere il pieno potenziale di una coltura, le pratiche tradizionali di nutrizione e protezione delle piante non sono più sufficienti.

Queste sfide esterne, non patogene e non biologiche, sono note collettivamente come stress non viventi o stress abiotico. Oggi la gestione di questi stress abiotici è uno dei principali argomenti di discussione e di ricerca in agricoltura. È ampiamente accettato che se lo stress abiotico potesse essere ben gestito, ci sarebbe il potenziale per fare molta strada verso l’aumento della produzione alimentare globale del 50% necessario entro il 2050, e raggiungere questa necessità in modo più sostenibile. Tuttavia, questa non sarà una sfida facile…

Gestione degli stress con i biostimolanti

Una delle aree di ricerca più promettenti nella gestione dello stress abiotico è la biostimolazione delle piante. Se applicati in modo appropriato, i biostimolanti hanno dimostrato di ridurre efficacemente l’impatto dello stress abiotico sulle colture, aiutandole a raggiungere il loro pieno potenziale di resa e qualità.

Negli ultimi anni, l’uso dei biostimolanti è stato riconosciuto come una buona pratica agricola, aiutando l’agricoltura a diventare più sostenibile e anche più ecologica. Infatti i biostimolanti hanno un tale potenziale nella gestione dello stress abiotico in agricoltura che questa “nuova” industria è cresciuta rapidamente da una dimensione insignificante dieci anni fa, ad oggi dove si stima che valga circa 2,3 miliardi di dollari (2020) e che raggiunga più di 4 miliardi di dollari nel 2023. La crescita rapida e continua di questo mercato è guidata dagli agricoltori, che hanno riconosciuto rapidamente i benefici che questi prodotti apportano alle loro colture… e ai loro profitti.

Un “biostimolante” vegetale in agricoltura, secondo la definizione del regolamento dell’Unione Europea sui fertilizzanti, è un prodotto che stimola i processi di nutrizione e crescita delle piante indipendentemente dal contenuto nutrizionale del prodotto. I biostimolanti hanno il solo scopo di migliorare una o più delle seguenti caratteristiche della pianta, o della rizosfera vegetale (zona delle radici):

  • Efficienza nell’uso dei nutrienti
  • Tolleranza allo stress abiotico
  • Valori qualitativi
  • Disponibilità di nutrienti confinati nel suolo o nella rizosfera

Mentre è stato dimostrato che la biostimolazione riduce efficacemente l’impatto dello stress abiotico sulle colture, un punto importante su di loro è che non hanno alcun effetto specifico su patogeni o parassiti. Così, per controllare queste sfide biotiche, i prodotti fitosanitari saranno ancora necessari.

Come funzionano i biostimolanti?

I biostimolanti hanno la capacità di innescare e migliorare la capacità delle colture di resistere naturalmente agli effetti dello stress abiotico. In sostanza, con o senza biostimolanti, la coltura altererà il suo metabolismo per rispondere a uno stress abiotico. Tuttavia, l’uso di biostimolanti sulle colture permette una risposta più rapida, più efficace e/o più efficiente da parte della coltura.

Ci sono una varietà di fonti che possono avere proprietà biostimolanti, e differiscono nella loro origine e/o nei loro modi di azione all’interno della pianta. In generale, i biostimolanti possono essere assegnati a uno dei sette gruppi: acidi umici / fulvici, idrolizzati proteici (ad esempio, aminoacidi), estratti di alghe, chitosano, composti inorganici, funghi benefici e batteri benefici (du Jardin 2015). Queste diverse fonti sono ancora pienamente esplorate e comprese, e stanno producendo un flusso costante di nuove innovazioni e prodotti per l’agricoltura.

La crescente conoscenza della modalità d’azione di ogni biostimolante sta permettendo ai coltivatori di prendere la decisione migliore su quale biostimolante scegliere, quando applicarlo e quale dosaggio utilizzare. Comprendendo la modalità d’azione, i coltivatori possono ora sapere quale effetto benefico ci si aspetta da quella particolare applicazione di biostimolante (Brown & Saa 2015). Tutte queste nuove informazioni vanno a beneficio del processo decisionale del coltivatore.

Quali sono le migliori opzioni per prevenire e mitigare lo stress abiotico?

Quando si ha a che fare con lo stress abiotico, scegliere il prodotto più appropriato, il giusto tempo di applicazione e il miglior metodo di applicazione non è sempre un compito facile. Per ottenere risultati ottimali, il know-how del prodotto e il suo corretto inserimento nelle strategie agronomiche sono fondamentali per garantire il massimo effetto e il massimo ritorno dell’investimento. In un settore nuovo come quello dei biostimolanti, si tratta di un sacco di nuove conoscenze da assimilare.

Tradecorp si è concentrata sulla presentazione, e sulla messa a disposizione in altri formati, di questi recenti progressi nella conoscenza agronomica ai coltivatori come concetti e informazioni facili da capire, per metterli in grado di utilizzare al meglio questa tecnologia in rapida evoluzione nei loro programmi agronomici.

Acidi umici

Gli acidi umici forniscono un miglioramento completo della fertilità del suolo attraverso un effetto positivo sulle caratteristiche fisiche (struttura), chimiche (maggiore disponibilità e riciclaggio di nutrienti) e biologiche (maggiore vita microbica) del suolo;

  • Miglioramento dell’allungamento delle radici e dello sviluppo delle radici secondarie
  • Miglioramento integrale delle condizioni chimiche e fisiche del suolo
  • Aumento delle popolazioni microbiche del suolo
  • Aumento dell’efficienza nell’uso dei fertilizzanti

+ Altri fattori da considerare nel processo decisionale riguardante gli acidi umici sono;

– Equilibrio tra acidi umici di lunga durata e acidi fulvici ad azione rapida
– Uso di materie prime riconosciute e ben studiate come la Leonardite americana

+Per informazioni più dettagliate sugli acidi umici per aiutare nel processo decisionale, vedere i seguenti articoli:

Stai usando acidi umici di qualità?

La sfida nella comprensione degli acidi umici

 

Aminoacidi

La gamma di aminoacidi di Tradecorp si basa sugli aminoacidi L-α liberi, che sono fondamentali per recuperare i raccolti durante o dopo un intenso periodo di stress. I fattori da considerare sugli aminoacidi includono:

  • Solo gli aminoacidi L-α liberi sono biologicamente attivi al 100%
  • Gli aminoacidi L-α hanno un benefico effetto di trasporto dei nutrienti
  • Fonti animali o vegetali disponibili
  • Prodotti approvati in agricoltura biologica
  • Eccellente miscibilità con gli altri prodotti

 

 

 

 

 

 

 

Alghe

I biostimolanti a base di alghe marine sono disponibili in molte forme diverse. La gamma Phylgreen di Tradecorp è specificamente progettata per prevenire lo stress abiotico nelle colture applicando il prodotto prima dell’inizio dello stress abiotico. [effetto primactive]

 

 

 

 

 

 

 

Estratti vegetali

Soluzioni naturali per promuovere la crescita delle radici e delle piante di origine vegetale.

  • Ottenuto da piante rinnovabili e coltivate in modo sostenibile
  • Ad alto contenuto di acidi fulvici, che promuovono fortemente la crescita delle radici e delle piante
  • Raccomandato per l’applicazione radicale, adatto anche per l’apporto fogliare
  • pH leggermente acido per un’elevata compatibilità con altri prodotti agricoli
  • Aumenta l’attività microbica benefica del suolo

 

 

 

 

Vuoi sapere dove trovare i nostri prodotti? Compila il form

 

Di cosa ti occupi?
AgricoltoreTecnicoRivenditoreAppassionato

Nome / Azienda agricola

Email

Telefono

Città

Colture interessate?
FrutticoleEstensiveOrticoleViteColture protette

Quanti ettari gestisci?
0-55-1010-30oltre 50

Scrivi come possiamo aiutarti

Clicca il quadrato per accettare e poi su invia

Autorizzo espressamente il trattamento di questi dati personali a scopo di contatto, ai fini dei servizi forniti o ai fini della comunicazione di prodotti e servizi di Tradecorp, in conformità con i termini e le condizioni dell'Informativa sulla privacy e la protezione dei dati disponibili all'indirizzo www.tradecorp.it. Sono a conoscenza del fatto che posso esercitare i miei diritti di protezione dei dati, inclusi i diritti di informazione, accesso, consultazione, rettifica, opposizione al trattamento o cancellazione, entro il normale orario lavorativo, tramite contatto con l'ufficio Protezione dati di Tradecorp, via e-mail TutelaDiDatiPersonali @ tradecorp.sapec.pt